Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Risultati in forte ribasso per Vetropack nel primo semestre 2015. Il fabbricante di bottiglie e recipienti di vetro annuncia oggi un utile netto consolidato in calo del 49,5%, a 14,2 milioni di franchi.

Sebbene il volume delle vendite abbia potuto essere mantenuto a 2,36 miliardi di imballaggi in vetro distribuiti e il volume d'affari sia aumentato del 5,8% in valuta locale, il fatturato lordo consolidato in franchi si è ridotto del 12,4%, a 272,8 milioni a causa dell'impatto negativo dei corsi di cambio.

Due i fattori che si sono rivelati significativi, indica un comunicato dell'impresa con sede direttiva a Bülach (ZH). In primo luogo l'abbandono della soglia minima di cambio franco-euro, che "ha inasprito ulteriormente e notevolmente il panorama della concorrenza per lo stabilimento svizzero di St-Prex" nel canton Vaud. In secondo luogo la congiuntura economica in Ucraina, dove Vetropack ha una vetreria e dove la valuta nazionale grivnia è crollata del 50%.

Il gruppo si aspetta un secondo semestre "senza variazioni sostanziali", fortemente influenzato dall'evoluzione economica in Ucraina e dall'impatto del franco forte sulla competitività. Per l'insieme dell'esercizio 2015, Vetropack prevede una diminuzione di fatturato e utile rispetto al 2014 ma non fornisce cifre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS