Navigation

Vibratori gratis, ma troppa folla

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2012 - 17:42
(Keystone-ATS)

Sbaraccati per eccesso di folla. È la sorte che è toccata ad alcuni tipici carretti di strada newyorkesi che questa volta invece di vendere hot-dog distribuivano gratuitamente dei vibratori.

L'idea era venuta all'azienda produttrice di profilattici, la 'Trojan', che per due giorni aveva deciso di distribuire gratis 10 mila vibratori nel tentativo di promuovere il prodotto e anche di dissipare quello che molte persone considerano ancora un 'tabù.

"Abbiamo usato i carretti degli hot-dog (ribattezzati per l'occasione 'Pleasure Cart') - ha detto al New York Times Bruce Weiss, vice presidente marketing per Trojan - perchè si tratta di un qualcosa che appartiene alla categoria 'convenzionalè, e noi vogliamo mostrare alle persone che anche i vibratori sono 'convenzionalì".

L'intento però non è andato oltre il primo giorno perchè, presi d'assalto dalla folla, i carretti hanno ricevuto un ordine di sfratto dalle autorità cittadine. Un passante in fila ha ironicamente commentato affermando che il sindaco di New York Michael Bloomberg non vuole che ci si diverta. "Michael Bloomberg - ha detto - non vuole che nessuno si diverta. È vietato bere bibite gassate extralarge ed è vietato avere un vibratore". L'amministrazione comunale ha fatto sapere che l'iniziativa potrà riprendere a patto che la Trojan abbia i dovuti permessi.

Secondo una serie di studi finanziati dalla Trojan e pubblicati dal 'Journal of Sexual Medicinè, oltre il 52% delle donne e quasi il 45% degli uomini hanno usato vibratori.

Contrariamente a quanto si ritiene - si legge nel New York Times - non è vero che i vibratori vengono usati solo da persone senza un partner. Quasi il 41% degli uomini hanno detto di averne fatto uso con il proprio partner sessuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?