Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La gente teme che i turchi vogliano combattere i curdi sotto la scusa dell'Isis". Lo ha detto il vicario apostolico di Aleppo dei latini, mons. Georges Abou Khazen, in un'intervista al telegiornale di Tv2000, commentando le operazioni militari turche.

"Se è una lotta contro l'Isis va bene - ha aggiunto mons. Khazen - ma se è una scusa della Turchia per creare una zona indipendente dalla Siria, allora diventa un po' pericoloso. Se è una scusa per combattere i curdi e aumentare la confusione e la violenza, allora non è un segnale positivo. Sappiamo bene che la Turchia ha permesso all'Isis di entrare, di armarsi e avere il loro addestramento".

Mons. Khazen ribadisce che "tutti noi siamo contro la civiltà della morte e della distruzione" ma "anche molti musulmani moderati che sono contro l'Isis si arruolano per combattere questa peste. A me dispiace che le luci si siano accese su qualche cristiano che si è alleato con i curdi contro l'Isis. Questo fa aumentare l'odio contro i cristiani. È naturale che in una guerra le persone si difendano. Ci sono persone che sono obbligate a fare il servizio militare".

"È naturale che qualcuno si difenda - ha concluso il vicario di Aleppo - ci sono cittadini a cui si dice invece di andare a fare la leva a Damasco, restate nei vostri paesi e difendeteli".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS