Navigation

Vicenda Behring: TPF ad avvocato d'ufficio, devi avere pelle dura

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2012 - 12:38
(Keystone-ATS)

Pazienza se il suo assistito lo tratta in modo offensivo, l'avvocato di Dieter Behring deve sopportare e rimanere al suo posto: lo ha stabilito il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona, che vede nell'atteggiamento del finanziere basilese solo un tentativo di tirare per le lunghe il procedimento.

Behring è indagato per vari reati, fra cui truffa, appropriazione indebita, falsità in documenti e riciclaggio. È sospettato di aver attirato investitori con promesse di redditi mirabolanti, alleggerendoli in tal modo di centinaia di milioni di franchi attraverso un sistema che gli inquirenti ritengono essere null'altro che una catena di Sant'Antonio.

Le indagini - che coinvolgono anche altre dieci persone - sono partite nel 2004, ma finora il Ministero pubblico della Confederazione non è ancora riuscito ad arrivare a un rinvio a giudizio o a un decreto d'abbandono. Durante il procedimento Behring ha già più volte cambiato la sua squadra difensiva: il legale attuale - un avvocato d'ufficio - è stato nominato dalla procura lo scorso agosto. Ma solo un mese più tardi ha chiesto di rimettere il mandato, ritenendo completamente infranto il rapporto di fiducia.

L'MPC si è però rifiutato di lasciarlo partire: una decisione ora confermata anche dal TPF, chiamato in causa da un ricorso del legale. La Corte federale ammette che Behring ha trattato male il suo difensore, fra l'altro attraverso una lettera il cui contenuto viene qualificato come semplicemente "infamante" dai giudici. Secondo il tribunale Behring mira però solo a complicare il caso. Per evitare questo tipo di abuso l'avvocato deve quindi mostrare di avere la pelle dura: la situazione - afferma il TPF - è paragonabile a quella di un medico chiamato a curare un paziente aggressivo o addirittura violento. Prima di assumere il mandato il legale era inoltre già stato informato dalla Procura federale di possibili difficoltà nel collaborare con il "cliente".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?