Navigation

Vicenda Crypto: Delegazione prende guida inchiesta Oberholzer

Crypto AG, parlamento prende guida inchiesta KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2020 - 17:02
(Keystone-ATS)

La delegazione delle Commissioni di gestione del parlamento (DelCG) ha deciso di assumere la guida dell'inchiesta dell'ex giudice federale Niklaus Oberholzer sulla vicenda Crypto AG. Lo indica in una nota diffusa oggi.

Sulla base dei lavori svolti finora, la delegazione ha preso atto che la concomitanza di diverse indagini, commissionate da diversi committenti, non era ottimale. Per stabilire i fatti in modo rapido ed efficiente, ha quindi deciso di riprendere la guida dell'indagine affidata all'ex giudice federale Niklaus Oberholzer.

Le varie indagini sul caso saranno così combinate all'interno dell'ispettorato DelCG, rileva nel comunicato. Nell'ambito del suo mandato, Oberholzer ha gli stessi diritti alle informazioni che la delegazione. I risultati delle sue indagini saranno presi in considerazione dalla DelCG.

Agendo in tal modo la delegazione si dice convinta che questa procedura permetterà un rapido chiarimento di tutti i fatti in questione. Nella nota indica di aver avviato la sua ispezione il 13 febbraio e di aver finora tenuto quattro sedute, comprese alcune udienze. Altre sono previste nelle prossime settimane.

I fatti e la decisione sulla CPI

L'azienda elvetica Crypto AG è stata probabilmente usata per decenni dai servizi segreti americani e tedeschi per spiare oltre 100 Stati. I fatti sono iniziati nel 1945 e sono oggi difficili da stabilire e da interpretare. Per questo motivo, il 15 gennaio il Consiglio federale ha incaricato Niklaus Oberholzer di chiarire la questione. Il suo rapporto sarà presentato entro fine giugno.

Lunedì l'Ufficio del Consiglio nazionale deciderà in merito a un'iniziativa parlamentare socialista che chiede l'istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI). Voterà sul tema dopo un audit al quale sarà presente il cancelliere Walter Thurnherr, in rappresentanza del Consiglio federale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.