Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Di fatto la decisione della Svizzera di bandire in una 'black list' 188 personalità libiche tra cui lo stesso Muammar Gheddafi "prende in ostaggio tutti i Paesi dell'area Schengen". Lo ha detto il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini a Sky Tg24, aggiungendo che la Svizzera va aiutata a "risolvere una questione bilaterale", ma "non a spese" di tutti.
Frattini ha spiegato di aver già sottolineato alla Svizzera "la delicatezza" della decisione che si accingeva a prendere con "l'inserimento nella cosiddetta 'black list' non di pericolosi ricercati o di autori di reati, come stabilisce l'accordo di Schengen, ma addirittura del leader Gheddafi o del ministro degli Esteri".
E' la natura stessa dell'accordo tra i paesi dell'area Schengen, ha precisato il ministro, ad averlo indotto a chiedere, preventivamente, alle autorità svizzere di essere "prudenti": "se uno dei 27 paesi Schengen blocca - ha spiegato Frattini - tutti gli altri 26, anche quelli che non c'entrano assolutamente niente ne risentono". Ed è proprio quello che è successo.
"Lunedì prossimo a Bruxelles i ministri degli esteri dell'Ue dovranno assolutamente affrontare il tema e prendere una decisione collegiale", ha detto il titolare della Farnesina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS