Navigation

Vino: nel 2019 meno quantità ma più qualità

Il 2019 è stata un'annata eccezionale per la qualità dei vini svizzeri. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2020 - 10:27
(Keystone-ATS)

Nel 2019 i viticoltori svizzeri hanno ottenuto quasi 98 milioni di litri. Il volume è nettamente al di sotto del record del 2018 (-13 milioni di litri; -12 %). In compenso, dato l'elevato tenore di zucchero e il buon aroma dell'uva, si prospetta un'annata eccezionale.

L'analisi della situazione è stata pubblicata oggi dall'Ufficio federale dell'agricoltura. La quantità di vino ottenuta, per la precisione 979'445 ettolitri, risulta circa dell'1% inferiore alla media decennale.

Il 2019 è stato impegnativo per i viticoltori. Dopo un inverno mite, ad aprile e maggio in alcune località il clima fresco e piovoso ha ritardato la germogliazione. Parallelamente alcune regioni hanno evitato per poco danni ingenti causati dal gelo.

L'estate calda e umida ha accelerato la crescita delle viti. Allo stesso tempo i viticoltori sono stati confrontati con la peronospora e l'oidio nonché con scottature da sole e danni provocati dalla grandine a livello regionale.

L'autunno in molte zone è stato caratterizzato da precipitazioni copiose e periodi più freschi, con conseguente inibizione della maturazione dell'uva e maggiore presenza di funghi e parassiti. La vendemmia è iniziata con circa 2 settimane di ritardo rispetto all'anno precedente. È stato comunque possibile raccogliere uva sana e matura di elevata qualità.

I vigneti, rispetto all'anno precedente, restano praticamente invariati a 14'704 ettari. Le cifre nel dettaglio, incluso il consumo, saranno pubblicate a fine primavera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.