Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I vitellini nati a partire dal primo novembre dovranno restare almeno 3 settimane nell'azienda in cui sono nati. Lo hanno deciso i rappresentanti del settore della carne, per impedire che gli animali non adatti a macellazione o allevamento siano uccisi troppo presto.

Lo ha comunicato oggi Proviande. Perché una mucca produca latte, deve fare un vitellino ogni anno. Non tutti i nuovi nati sono però utilizzabili nel settore agricolo e finiscono con l'essere abbattuti precocemente. Questo problema sussiste in particolare per determinate razze che producono molto latte. I piccoli non hanno una struttura redditizia per una futura macellazione.

Tenendo gli animali più a lungo sul sito di nascita - ha spiegato Proviande -, hanno più tempo per crescere e diventare robusti, e avranno più possibilità di essere venduti.

Un prezzo minimo per la carne di questi vitelli non è stato stabilito, poiché questo verrà definito da domanda e offerta. Inoltre, tutto dipende dalla qualità, e un prezzo fisso con eventuale scarsa qualità non è consigliabile.

La soluzione gode di un ampio sostegno. Oltre a Proviande, vi hanno aderito le aziende Bell Svizzera, Micarna, Ernst Sutter così come i Produttori svizzeri di latte e l'Unione svizzera dei contadini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS