Navigation

Viticoltori contro nuove norme Confederazione

I viticoltori indipendenti protestano contro nuove norme della Confederazione. KEYSTONE/DPA/ANDREAS ARNOLD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2020 - 16:00
(Keystone-ATS)

Troppo lavoro alla scrivania e costi elevati: i viticoltori indipendenti protestano contro nuove norme della Confederazione. Ad essere particolarmente agguerriti sono i romandi.

I rappresentanti del settore chiedono di essere ascoltati dall'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG). In segno di protesta numerosi viticoltori hanno impedito l'accesso dei funzionari alle cantine per i controlli.

Le rimostranze sono iniziate in gennaio, con una lettera inviata al consigliere federale Guy Parmelin. Per ora alla "ribellione" si sono uniti 80 vignaioli, quasi tutti in Romandia, si legge in un comunicato odierno dell'Associazione svizzera viticoltori-vinificatori .

"Le nuove norme chiedono gli stessi requisiti imposti a un grande commercio. La conseguenza è un netto aumento dei costi amministrativi in proporzione al tempo necessario alle ispezioni delle cantine effettuate dal Cantone", afferma il presidente dell'associazione Willy Cretegny.

Il settore è inoltre fortemente preoccupato che l'attuale situazione sul mercato svizzero, con i prodotti elvetici che ogni anno perdono terreno rispetto alle importazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.