Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sarebbe stato raggiunto, o è almeno molto vicino, l'accordo fra Vodafone e Verizon per la maxi-cessione, pari a 130 miliardi di dollari, del 45% della joint venture Verizon Wireless. I due colossi delle telecomunicazioni, secondo quanto riporta il "Wall Street Journal", dopo alcuni giorni di trattativa serrata avrebbero raggiunto un'intesa i cui termini devono comunque essere approvati dai rispettivi consigli di amministrazione e che saranno comunicati in seguito. In serata Vodafone ha detto che "discussioni avanzate" sono in corso con Verizon per cedere per 130 miliardi di dollari il 45% di Verizon Wireless, precisando però che "non c'è nessuna certezza che un accordo verrà raggiunto" e che un annuncio verrà fatto appena possibile. L'ipotesi allo studio prevede un mix di titoli Verizon e cash.

La decisione, se verrà confermata, arriva dopo un'accelerazione delle trattative che nei mesi scorsi si erano arenate proprio per una questione di prezzo. In Borsa i titoli avevano segnato forti rialzi a seguito delle prime indiscrezioni e quindi i contatti si erano infittiti nel lungo fine settimana. Oggi negli Stati Uniti si festeggia il Labor day e i mercati sono chiusi.

La joint venture Verizon Wireless è controllata per il 55% da Verizon e per il 45% da Vodafone. Verizon punta al 100% di Verizon Wireless da tempo ma nessun accordo è stato mai raggiunto, anche perchè a fronte di un'intesa multimiliardaria Vodafone si troverebbe a pagare miliardi di dollari di tasse. Con l'aumento dei tassi di interesse e la maggiore concorrenza sul mercato americano, le due società sembrerebbero però ora essere disposte a venirsi incontro.

Se l'intesa sarà raggiunta, Vodafone - in base alle stime di Nomura - potrebbe distribuire un dividendo speciale di 30 miliardi di dollari e portare il debito netto in linea con l'utile Ebitda. Gli osservatori ritengono che un accordo sarebbe un successo per l'amministratore delegato di Vodafone, Vittorio Colao: la vendita infatti consentirebbe a Vodafone, il secondo operatore al mondo di telefonia cellulare dopo China Mobile, di contare su risorse per rafforzare le sue attività core in Europa, che hanno incontrato difficoltà in seguito alla crisi del Continente. Agli investitori di Vodafone, l'intesa consentirà di trarre benefici anche tramite programmi di buyback.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS