Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non è al momento ancora chiaro se lo scandalo sulla falsificazione della misurazione delle emissioni di gas di Volkswagen interessi anche la Svizzera: sono in corso verifiche, indica all'ats un portavoce dell'importatore Amag.

A causa delle normative assai differenti sui vari mercati vengono introdotte motorizzazioni con tecnologie diverse: il caso americano non può quindi essere applicato ad altre regioni. "I nostri veicoli in Europa - e quindi anche in Svizzera - rispettavano le norme sulle emissioni al momento della loro autorizzazione", afferma Amag.

Le autorità Usa hanno accusato la casa automobilistica tedesca di aver falsificato i dati sulle emissioni inquinanti prospettando la possibilità di una multa fino a 18 miliardi di dollari. Il gruppo automobilistico è accusato di aver progettato un software, montato sulle centraline dei motori 4 cilindri diesel dei marchi Volkswagen e Audi (modelli dal 2009 al 2015) che inganna i controlli sui gas di scarico.

Il titolo Volkswagen sta crollando a Francoforte, dove è arrivato a cedere oltre il 22% a 126,35 euro. Il CEO di Volkswagen ha annunciato di aver ordinato un'indagine esterna e si è detto "profondamente dispiaciuto" per la violazione delle regole Usa.

L'Environmental Protection Agency ha chiesto il richiamo di mezzo milione di auto e un portavoce del gruppo ha fatto sapere che la casa automobilistica ha sospeso negli Stati Uniti le vendite dei modelli coinvolti che rappresentano il 23% delle vetture Volkswagen vendute negli Usa ad agosto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS