Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il leader laburista Corbyn cerca la rimonta sulla premier May.

KEYSTONE/EPA/ANDY RAIN

(sda-ats)

Entra nel vivo a 10 giorni da voto la campagna elettorale in Gran Bretagna con la prima sfida in tv fra la premier conservatrice Theresa May e il leader dell'opposizione laburista Jeremy Corbyn, dato in parziale rimonta da alcuni sondaggi.

Ma si tratta in realtà di uno pseudo duello, visto che May evita il faccia a faccia, nel quale i due si limitano stasera a rispondere alle domande della stessa platea di spettatori dagli schermi di SkyNews, sotto la 'bacchetta' dell'anchorman Jeremy Paxman.

Al centro del dibattito, inevitabilmente, la minaccia terrorista, a una settimana esatta dal sanguinoso attentato suicida di Manchester. Ma anche l'economia, la politica sociale (cavallo di battaglia del Labour) e la Brexit (terreno preferito al contrario della May, che se ne presenta come garante).

Oggi i laburisti tornano ad attaccare la ricetta Tory sulla scuola, con il promesso rilancio delle vecchie Grammar Schools denunciato come soluzione elitaria. I conservatori cavalcano la polemica contro l'antica militanza di Corbyn nella sinistra radicale e pacifista rispolverandone la partecipazione, contestata anche dalla lobby degli 'Amici laburisti d'Israele', a un incontro di diversi anni fa con dirigenti palestinesi in cui risulta sia stata onorata la memoria di Atef Bseiso. Già capo dell'intelligence dell'Olp, Bseiso è additato come "terrorista" per il presunto ruolo svolto nella cattura di ostaggi alla Olimpiadi di Monaco 1972 e fu assassinato nel '92.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS