Il Sindacato VPOD Ticino si oppone ad ogni tentativo del Consiglio di Stato di scaricare anche solamente un franco del deficit cantonale, "vero o presunto", sulle spalle dei dipendenti.

I dipendenti pubblici in Ticino - si legge in un comunicato del sindacato - hanno già contribuito per numerosi anni a limitare le uscite del Cantone, vedendosi decurtare il salario per somme che possono arrivare a testa e in totale a decine di migliaia di franchi: mancata compensazione del carovita, blocco degli scatti d'anzianità, contributi salariali di risanamento, tagli sugli stipendi iniziali, riduzione degli stipendi dei supplenti, ecc.

Il personale pubblico ticinese è stato il peggio trattato a livello svizzero negli ultimi quindici anni: nessun altro Cantone ha tagliato così tanto sulle condizioni di lavoro del personale.

I dipendenti pubblici in Ticino sono "sufficientemente infuriati e decisi ad ottenere quanto meritano (...) ricorrendo all'impiego di tutti i mezzi a disposizione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.