Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli agricoltori vallesani colpiti dal gelo a metà aprile dovrebbero poter contare sul sostegno delle autorità.

Il Consiglio di Stato propone al parlamento un credito quadro di 35,2 milioni di franchi destinato al finanziamento di misure di lotta a lungo termine contro il gelo.

Fra le misure evocate figura la nebulizzazione di acqua, un metodo poco costoso, pulito e efficace e già ampiamente utilizzato nella pianura del Rodano, sottolinea l'esecutivo vallesano in un comunicato. La nebulizzazione consente di proteggere l'80% delle superfici coltivate, mentre il ricorso alle candele e ai riscaldamenti a gas si sono rivelati inefficaci.

Oltre al credito quadro, che sarà cofinanziato dalla Confederazione, il governo vallesano propone la creazione di un fondo di garanzia di 10 milioni di franchi volto a permettere alle aziende agricole di ottenere le necessarie liquidità presso gli istituti finanziari.

Il fondo svizzero di soccorso per i danni causati dalla natura e non assicurabili (fondssuisse) ha accettato dal canto suo di entrare in materia sulla questione di un eventuale risarcimento, le cui modalità saranno precisate entro fine mese.

Per sostenere le aziende colpite, il cantone aveva già varato in maggio diverse misure volte a sostenere entro breve scadenza le aziende colpite, che hanno potuto beneficiare di crediti senza interessi, di crediti per la ricostituzione del capitale arboricolo o della possibilità di rinviare il rimborso dei crediti di investimento.

SDA-ATS