Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non si avevano più notizie dell'alpinista dal luglio 2014.

KEYSTONE/VALENTIN FLAURAUD

(sda-ats)

Lo scioglimento dei nevai ha fatto riemergere sul versante svizzero del Cervino i resti di un alpinista che risultava disperso da quattro anni e che con ogni probabilità è rimasto vittima di un incidente.

Si tratta di un giapponese di 40 anni, che il 23 luglio del 2014 era partito da Zermatt (VS) per affrontare da solo la scalata alla vetta. Da quel giorno di lui non si avevano più avuto notizie. Questo fino alla sera dell'11 settembre scorso, quando un soccorritore svizzero ha trovato alcune ossa umane e dell'attrezzatura alpinistica ai piedi del versante est del Cervino.

Le analisi del Dna - ha fatto sapere oggi la polizia cantonale vallesana - hanno confermato che quei resti appartengono all'alpinista disperso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS