Navigation

VS: preti pedofili, posata targa a Monthey per non dimenticare

La targa commemorativa posata oggi KEYSTONE/CYRIL ZINGARO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 febbraio 2020 - 18:50
(Keystone-ATS)

Una targa commemorativa alla memoria delle vittime di abusi sessuali commessi dalla Chiesa cattolica è stata posata oggi all'interno della "chapelle du Closillon" di Monthey (VS). Alla cerimonia ha partecipato anche il vescovo di Sion Jean-Marie Lovey.

La scelta di Monthey non è casuale: è stata una vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio della regione a chiederne la posa. I fatti risalgono a quasi cinquant'anni fa e l'autore è nel frattempo deceduto. La targa, è stato detto alla cerimonia, permetterà di ricordare la necessità di restare vigili per evitare che fatti simili si riproducano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.