Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SION - In sciopero della fame da 41 giorni, il canapaio vallesano Bernard Rappaz è stato ricoverato oggi all'ospedale di Sion. L'agricoltore, che avrebbe perso 15 chili, stava scontando una condanna a cinque anni e otto mesi di reclusione confermata dal Tribunale cantonale nel novembre 2008.
"La prigione mi ha avvertito che Bernard ha avuto un malore e che è stato ricoverato a Sion", ha indicato all'ATS Boris Ryser, un amico del coltivatore. Rappaz ha incominciato lo sciopero della fame dopo la sua incarcerazione il 20 marzo, allo scopo di ottenere la revisione del suo processo.
Secondo l'amico, Rappaz ha firmato una dichiarazione in cui rifiuta di essere rianimato o alimentato in modo artificiale qualora dovesse finire in coma.
Il vallesano di 57 anni aveva già osservato precedenti scioperi della fame nel 1996, nel 2001 e nel 2006 per protestare contro le condanne inflittegli per aver coltivato e venduto grandi quantità di canapa indiana.

SDA-ATS