Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Impiegare i disoccupati che hanno esaurito le prestazioni assicurative o i rifugiati sugli alpeggi per proteggere le greggi dal lupo: è la proposta presentata oggi dal PLR al Gran consiglio vallesano e accettata dai parlamentari.

"La presenza di un pastore è il mezzo più efficace per combattere le incursioni del predatore", ha argomentato il deputato Olivier Delaloye.

Per rimediare alla mancanza di manodopera e ai mezzi finanziari limitati degli allevatori, è nata l'idea di creare un apposito programma di occupazione, che potrebbe essere sostenuto finanziariamente dalla Confederazione, dal cantone e dai comuni. I futuri pastori potrebbero seguire la formazione impartita dalla scuola di agricoltura del Vallese, ha fatto valere Delaloye.

L'unica opposizione è venuta dal PPD, secondo cui si tratta di un'iniziativa "lodevole, ma non ragionevole" e persino "pericolosa" a causa della configurazione degli alpeggi e delle montagne. "L'allevatore rischierebbe di dover cercare il pastore, ancor prima degli animali", ha sostenuto la deputata Chantal Voeffray Barras.

Il postulato è stato accettato in definitiva con 72 voti contro 41 e 3 astenuti. La proposta è dunque stata trasmessa al governo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS