Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sull'esempio del Ticino, anche in Vallese un'iniziativa per dare preferenza ai residenti sul mercato del lavoro.

Keystone/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

Seguendo l'esempio del Ticino, l'UDC del Vallese romando (UDCVR) ha lanciato oggi un'iniziativa cantonale per la preferenza indigena sul mercato del lavoro, intitolata "Prima il Vallese". Il tema è d'attualità anche in altri cantoni romandi.

I democentristi vallesani disporranno di un anno per riunire le 4000 sottoscrizioni necessarie. "Prima il Vallese" vuole dare la preferenza ai lavoratori svizzeri o stranieri residenti nel cantone, ha indicato oggi nel corso di una conferenza stampa Jérôme Desmeules, co-presidente dell'UDCVR.

L'iniziativa chiede peraltro l'applicazione di una forma di preferenza più restrittiva nei settori pubblico e parastatale, nei quali dovranno essere favoriti sistematicamente i disoccupati del cantone.

Il testo esige pure dalle autorità di promuovere la formazione in settori - come la salute - nei quali "la manodopera nazionale è sostituita da una manodopera importata". Incitazioni fiscali sono previste per le imprese che favoriscono i lavoratori indigeni.

"Prima il Vallese" rappresenta una risposta al "rifiuto del Parlamento federale di applicare l'iniziativa sull'immigrazione di massa", ha dichiarato il consigliere nazionale Jean-Luc Addor (UDC/VS).

Oltre a promuovere la sua iniziativa, il partito vuole sottoporre al Gran consiglio diverse misure, quale l'utilizzo di prodotti agricoli vallesani negli ospedali, case per anziani e altre istituzioni, nonché il prelievo di una tassa militare presso i lavoratori stranieri che non hanno prestato servizio in patria.

Un'iniziativa per la preferenza indigena sul mercato del lavoro - intitolata "Les nôtres avant les autres" (I nostri prima degli altri) - sarà lanciata ufficialmente domani anche a Neuchâtel. A Ginevra, la preferenza nazionale è già applicata nell'amministrazione pubblica e nelle istituzioni finanziate dal Cantone. MCG e UDC vorrebbero tuttavia vederla estesa ad altri settori.

Nel canton Vaud, il tema è stato evocato dal gruppo liberale-conservatore fondato dal Claude-Alain Voiblet dopo la sua esclusione dall'UDC.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS