Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Lo spazio aereo del Nord Italia, chiuso per le polveri del vulcano islandese, riapre dalle ore 14. In un comunicato l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (Enac) "rende noto che a seguito dell'evolversi della situazione della nube determinata dall'eruzione vulcano islandese Eyjafjallajökull, ha disposto la riapertura dello spazio aereo del Nord Italia, e degli aeroporti che erano stati chiusi, a partire dalle 14:00 ora italiana di oggi, domenica 9 maggio".
In Svizzera, stamani una ventina di voli hanno dovuto essere annullati all'aeroporto internazionale di Ginevra. Si tratta di aerei destinati o provenienti da aeroporti chiusi in seguito al passaggio della nuvola di cenere vulcanica, ha precisato all'ATS il portavoce Bertrand Stämpfli.
Ieri sera, l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) aveva deciso di non restringere lo spazio aereo svizzero nonostante l'arrivo nella notte della nube di cenere.
Sono comunque state rinnovate le misure di precauzione. È stato raccomandato di effettuare controlli agli apparecchi dopo ciascun volo, per verificare se i reattori presentino tracce di cenere vulcanica. Oggi si faranno nuovi voli-test sullo spazio aereo elvetico.

SDA-ATS