Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uno dei manager di Volkswagen (VW) denunciati negli Stai Uniti per il dieselgate rischia il carcere a vita. Lo scrive Bild on line, che parla addirittura di una pena che, nel peggiore dei casi, prescriverebbe 169 anni di prigione.

Per Oliver Schmidt, 48 anni, in un'udienza che si è tenuta ieri a Miami, il giudice ha rigettato la richiesta che fosse rilasciato in libertà su cauzione, paventando il rischio di fuga.

Schmidt è accusato di aver partecipato alla frode e alle violazioni delle leggi americane sull'ambiente, e di aver tentato di nascondere le manipolazioni sui dati sulle emissioni e di indurre gli inquirenti in errore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS