Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per la prima volta dallo scoppio del dieselgate, Volkswagen ha rinunciato a presentare ricorso contro delle sentenze di primo grado che le impongono di riprendere indietro l'auto diesel di un cliente.

A maggio un tribunale di Arnsberg, in Germania, aveva condannato Vw a riacquistare da un automobilista una Passat, sulla quale era installato il defeat device al centro dello scandalo.

Due sentenze simili erano state pronunciate dalle corti di Bayreuth e Wuppertal. Finora, in questi casi, la casa di Wolfsburg aveva depositato ricorso. Stavolta, invece, ha accettato le sentenze di primo grado. Si tratta tuttavia di un'eccezione, ha comunicato Volkswagen.

Gli avvocati degli automobilisti che hanno vinto in tribunale vedono invece nella decisione di Vw un cambio di strategia. In totale le cause intentate dagli acquirenti di modelli diesel di Vw sono 3500.

SDA-ATS