Navigation

Web: più della metà degli utenti si autocensura

L'autocensura è una pratica piuttosto diffusa tra gli utenti svizzeri di Internet. KEYSTONE/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2019 - 17:36
(Keystone-ATS)

Oltre la metà degli svizzeri che navigano online rinunciano spontaneamente a compiere alcune ricerche o a fornire il proprio parere perché pensano di essere sorvegliati.

È quanto emerge da un'inchiesta dell'Università di Zurigo pubblicata oggi, secondo cui, inoltre, essere spiati in rete è fonte di inquietudine per circa un utente su due.

Stando al sondaggio infatti, il 43% delle 1122 persone interrogate ritiene che la sorveglianza su Internet sia nefasta per la società. Una percentuale simile - il 45% - afferma di essere preoccupata dal fatto che grosse aziende come Facebook possano violare la sfera privata.

La conseguenza di ciò è una sorta di autocensura, indica in un comunicato l'ateneo zurighese. Il 59% dice che questo possibile controllo li frena nelle ricerche, per esempio riguardo a contenuti politici sensibili, mentre il 56% si trattiene dall'esporre i propri interessi, sentimenti o opinioni.

Secondo il responsabile dello studio, Michael Latzer, tutto ciò è un problema in un contesto democratico. "Si tratta di una minaccia per l'espressione dei diritti fondamentali", afferma, citato nella nota.

L'indagine, svolta per la quinta volta dal 2011, mostra che nel 2019 in Svizzera vi sono solo 340'000 persone che non utilizzano assolutamente Internet. Il 92% della popolazione è presente sul web, quota che raggiunge di fatto il 100% fra gli under 50.

La durata di utilizzo medio è raddoppiata rispetto a otto anni fa e si situa a 25 ore settimanali. Nello stesso lasso di tempo, il numero di non utilizzatori si è più che dimezzato. Eccezion fatta per gli anziani over 70, Internet è considerato il maggior media d'informazione, seguito da giornali e televisione. La rete batte la tv anche alla voce divertimento.

Circa un quarto delle persone interpellate (26%) considera comunque una perdita di tempo i minuti e le ore trascorse online, che invece si potrebbero consacrare a cose più importanti. Da notare inoltre come giovani e cittadini con un alto livello formativo subiscano una specie di "pressione digitale", che li spinge a essere sempre disponibili nei confronti degli altri utenti e a rispondere rapidamente.

Il sondaggio, che rientra nel World Internet Project, uno studio comparativo condotto in tenta Paesi, mette poi in risalto la progressione dal 2011 a oggi dell'utilizzo dei social media, dal 53% al 71%. Infine, l'82% fa acquisti sul web: particolarmente apprezzate le prenotazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.