Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La decisione presa dall'Austria di introdurre una sorta di tetto all'afflusso di richiedenti asilo riguarda anche la Svizzera, sebbene per il momento non sia chiaro in quale misura. Ne è convinto il consigliere federale e ministro della difesa Guy Parmelin.

A Davos (GR) ha incontrato il collega austriaco Gerald Klug. Se la situazione si degradasse potrebbe intervenire l'esercito a fianco delle Guardie di confine.

"La Svizzera deve prepararsi ad ogni eventualità", ha dichiarato il capo del DDPS a margine del Forum economico mondiale (WEF), in quella che è stata la sua prima uscita ufficiale da quando è entrato in funzione, il primo gennaio.

L'Austria è intenzionata a limitare l'afflusso di migranti: quest'anno Vienna accetterà solo 37'500 profughi, contro i 90 mila del 2015 e fino al 2019 dovranno essere complessivamente al massimo 127'500. Tale limitazione potrebbe ripercuotersi sulla Svizzera, con un forte aumento delle domande d'asilo.

"È un fatto che ci deve interpellare", ha dichiarato il ministro dell'UDC esprimendosi in tedesco e francese, poiché la situazione può evolvere verso una cattiva direzione. Bisogna chiedersi - ha detto - che cosa succederà quando l'Austria avrà raggiunto il tetto di 37'500. A quel punto l'esercito potrebbe diventare importante, appoggiando in maniera sussidiaria le autorità civili.

La mobilitazione dell'esercito alle frontiere è un tema caro all'UDC, secondo cui di fronte ad un afflusso incontrollato di migranti in Europa, le frontiere nazionali dovrebbero venir immediatamente controllate con l'ausilio dei militari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS