Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Beneficiare di buone condizioni quadro e approfittare di alleggerimenti amministrativi: le imprese hanno espresso oggi i loro desideri al ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann dopo la decisione della Banca nazionale svizzera (BNS) di abolire il cambio minimo con l'euro. L'incontro è avvenuto a margine del Forum economico mondiale (WEF) di Davos (GR).

I rappresentanti degli ambienti economici non hanno fatto proposte né imposto condizioni, ha tenuto a precisare il consigliere federale. Le discussioni sono state molto aperte, e una "tavola rotonda" per continuarle è già in agenda per i prossimi giorni, ha aggiunto.

"La Svizzera vive un periodo di grande incertezza", ha proseguito. È essenziale che resti competitiva e per ottenere questo risultato le aziende elvetiche hanno bisogno di buone condizioni quadro, ha sottolineato.

Una delle priorità evocate è stata quella di trovare una soluzione con l'Unione europea sull'immigrazione e di proseguire la politica di libero scambio. A questo proposito, Schneider-Ammann si è augurato una firma in tempi brevi di un accordo con l'India. Proprio ieri ha incontrato il suo omologo indiano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS