Navigation

Weinstein alla sbarra, per procura è stupratore

Harvey Weinstein KEYSTONE/EPA/JSL chs sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 gennaio 2020 - 19:06
(Keystone-ATS)

"Adescava le sue vittime facendo balenare il miraggio di un futuro nel cinema, poi le continuava a seguire, esercitando influenza per prevenire denunce": questa la tesi della procura di New York al processo contro Harvey Weinstein, entrato oggi nel vivo a New York.

Due anni dopo lo scandalo che ne ha travolto la carriera, l'ex "re di Hollywood" è da oggi sul banco degli imputati nel primo processo dell'epoca di #MeToo e il secondo, dopo quello contro Bill Cosby, che potrebbe vedere un titano dell'entertainment finire in galera per il resto dei suoi giorni per molestie sessuali e stupri.

Oltre 80 donne lo accusano, tra cui quelle che nei giorni scorsi a Los Angeles hanno portato a ulteriori incriminazioni. A New York difesa e parte civile oggi hanno argomentato il caso: foto delle vittime di Weinstein, tra cui Annabella Sciorra dei "Soprano", sono state mostrate dalla procura che ha definito l'ex produttore "predatore sessuale e stupratore".

Gli avvocati di Weinstein hanno contrattaccato parlando delle "decine e decine e decine" di "affettuose email" scambiate con l'ex boss di Miramax con le "donne che verranno in aula ad accusarlo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.