Navigation

Whitney Houston: combinazione letale di farmaci e alcol?

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 febbraio 2012 - 21:20
(Keystone-ATS)

Voci di bancarotta per un'artista che aveva venduto 170 milioni di dischi, indiscrezioni su una presunta dipendenza da crack, mentre nella suite al quarto piano dell'hotel sarebbero state trovate "decine di bottiglie" di ansiolitici e sonniferi tra cui Valium, Xanax e Lorazepam, almeno secondo i britannici Sun e Daily Mirror.

Il sito di gossip, ma ben informato, Tmz poi sostiene oggi che Whitney Houston sarebbe morta per un cocktail letale di alcol e farmaci. Secondo Tmz la famiglia della cantante è stata informata dal medico legale di Los Angeles che Whitney non è morta annegata ma per una combinazione fatale di alcolici e farmaci tra cui lo Xanax. Insomma sulla morte della grande star della musica si rincorrono oggi le voci ma resta comunque un mistero.

"Whitney Houston era viva, vegeta e sorridente meno di un'ora prima del suo ritrovamento all'interno della sua stanza", avrebbero infatti affermato alcuni camerieri del Beverly Hilton Hotel di Los Angeles, in una stanza del quale è stato ritrovato il corpo senza vita della regina del soul, sabato scorso. Si rendono dunque sempre più necessari gli esami tossicologici, che saranno pronti però solo fra sei settimane, per fare luce sulla morte della quarantottenne cantante afroamericana.

La Houston infatti non sarebbe annegata, come ipotizzato in un primo momento, nonostante il suo corpo fosse stato trovato, esanime, all'interno della vasca da bagno, ma sarebbe stata vittima di una dose eccessiva di antidepressivi. L'assistente del coroner di Los Angeles ha confermato l'indiscrezione: "Non stiamo dicendo che la Houston è, o non è, annegata, ma al momento sappiamo che poco prima di quel bagno non era ubriaca nè sotto effetto di sostanze stupefacenti, come confermano alcuni camerieri dell'albergo, che l'hanno vista sorridente e tranquilla non più di un'ora prima della sua morte. Inoltre non sono stati trovati segni di violenza, traumi o qualsiasi altro elemento che possa fare pensare ad un episodio violento." Anche se invece secondo altre fonti un testimone avrebbe raccontato che saltellava come una ragazzina, altri che aveva fatto la "ruota" sul bordo della piscina dell'albergo.

Altri hanno raccontato di averla vista mentre giovedì sera trangugiava tequila da Tru, un locale di Hollywood, e che "avrebbe dato di matto" quando Ray J., 31 anni, il suo 'toyboy' del momento, si è messo a parlare con l'ex concorrente di X Factor Stacy Francis. Dopo l'autopsia, il corpo della Houston è stato intanto riconsegnato alla famiglia e trasferito ad Atlanta come espressamente richiesto dalla madre, che ha affermato che renderà nota al più presto la data dei funerali. La famiglia intanto sembrerebbe preoccupata per le sorti della figlia Bobbi Kristina che è stata ricoverata in ospedale a causa di ripetuti malori di cui è stata vittima, dopo aver appreso della morte della madre. La tragica scomparsa di Whitney Houston non dovrebbe però far slittare la data del debutto del film che vedeva il ritorno sulle scene della cantante, dopo anni di lontananza dal grande schermo. Sony Pictures ha confermato che Sparkle uscirà come previsto il 17 agosto negli Stati Uniti mentre nella notte scorsa si è alzato per lei il coro di omaggi dei colleghi del mondo della musica dai Grammy awards.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?