Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Luke Harding, il corrispondente da Mosca del "Guardian" e uno dei reporter del giornale che ha lavorato sul Cablegate di Wikileaks, è stato espulso dalla Russia. È la prima volta che un giornalista britannico viene cacciato da quel paese dalla fine della Guerra Fredda.

La partenza forzata di Harding è avvenuta dopo che il giornalista aveva lavorato sui documenti segreti consegnati al "Guardian" dal sito di Julian Assange. In base a quei documenti Harding aveva scritto che sotto Vladimir Putin la Russia era diventata "praticamente uno stato mafioso".

Il giornalista del quotidiano britannico era rientrato a Mosca questo fine settimana dopo due mesi passati a Londra a lavorare sui cablogrammi ma gli è stato rifiutato l'ingresso all'arrivo.

Dopo avere passato 45 minuti in un centro di detenzione all'aeroporto, Harding è stato rispedito in Gran Bretagna sul primo volo disponibile e il suo visto è stato annullato. Harding si è visto restituire il passaporto solo dopo aver preso posto sull'aereo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS