Navigation

Will e Kate: la corona vieta copertura satirica da Australia

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2011 - 09:40
(Keystone-ATS)

La Tv pubblica australiana Abc ha dovuto abbandonare la programmata copertura satirica delle nozze del principe William e di Kate Middleton in uno dei suoi due canali, a causa di restrizioni imposte dalla famiglia reale. Il programma, attesissimo in Australia (tuttora una monarchia sotto la corona britannica), doveva essere trasmesso sul canale Abc2 in alternativa alla copertura convenzionale su Abc1, affidato alla squadra di comici The Chaser, famosa per i suoi 'agguati' a leader politici e altre celebrità.

Ad appena due giorni dalle nozze, le condizioni imposte da Clarence House, l'ufficio privato del principe Carlo specificano che le riprese della cerimonia dall'Abbazia di Westminster non possono essere usate "in qualsiasi programma di commedia, satira o simile intrattenimento". "Siamo molto sorpresi e delusi in questa fase molto tardiva di essere informati che ogni trattamento satirico del matrimonio del futuro capo di stato dell'Australia sia messo al bando", ha detto il direttore dell'Abc Tv Kim Dalton, osservando che un canale commerciale ospiterà senza divieti i commenti del comico australiano Barry Humphries nel suo personaggio della 'stupenda' Dame Edna Everage.

I Chaser hanno reagito con una lettera ironica indirizzata al 'Capo dello Stato australiano' chiedendo "una sospensione della condanna a morte". "Noi, come Kate siamo plebei e desideravamo celebrare le sue nozze con il vostro eminente nipote con qualche affettuosa osservazione. Intendevamo usare battute che il principe Filippo ha già fatto in pubblico". Uno dei cinque comici, Julian Morrow, ha poi dichiarato che "una monarchia che emette decreti su come i media debbano coprire le loro vicende sembra fuori luogo con i tempi moderni di democrazia, ma questo è esattamente ciò che è la monarchia".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.