Navigation

Wwf: già perso 30% biodiversità pianeta

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2012 - 11:07
(Keystone-ATS)

La Terra ha già perso il 30% della biodiversità negli ultimi 40 anni, e il consumo di risorse è raddoppiato dal 1966 a oggi, al punto che ormai si utilizza 'un pianeta e mezzo'. Sono i numeri principali del rapporto annuale del Wwf 'Living Planet 2012', pubblicato a un mese dalla Conferenza di Rio sullo sviluppo sostenibile.

"Siamo decisamente dei pessimi ospiti del pianeta - sottolinea Coulby Loucks, uno dei curatori - stiamo svuotando il frigo, non stiamo annaffiando le piante e decisamente non portiamo fuori la spazzatura".

Il rapporto, che viene pubblicato con cadenza biennale, ha calcolato anche le 'impronte ecologiche' nei vari paesi: i peggiori consumatori di risorse sono risultati gli abitanti del Qatar, seguiti da Kuwait e Emirati Arabi Uniti.

Al quarto posto gli abitanti della Danimarca seguiti dagli Usa, a cui va comunque la palma di paesi con i consumi più alti al mondo. Per quanto riguarda la perdita di biodiversità i danni maggiori sono per le specie tropicali, di cui si è già perso il 60%, mentre nelle zone temperate la situazione è leggermente migliore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?