Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il WWF, preoccupato per la sorte del giovane orso M25 entrato la scorsa settimana nel canton Grigioni, lancia la petizione "Viva 25", esortando le autorità ad offrire all'animale una "reale opportunità". Si intende così far comprendere alle istanze competenti "che la popolazione le sostiene con forza: la maggior parte dei cittadini è favorevole al naturale reinsediamento", dichiara la direttrice grigionese dell'organizzazione ambientale Anita Mazzetta in un comunicato odierno.

La petizione invita le autorità cantonali e comunali dei Grigioni a intraprendere misure affinché l'orso non possa neppure diventare un problema. A questo scopo sono necessari sufficienti sistemi di difesa delle greggi, contenitori per rifiuti a prova d'orso e protezioni per le arnie.

I comuni nell'area in cui si intrattiene l'orso devono inoltre adeguare la gestione dei rifiuti per tenere il predatore lontano dai centri abitati e informare adeguatamente la popolazione.

Il WWF intende raccogliere 5000 firme prima di consegnare la petizione ed evitare così che l'esemplare venga abbattuto come è accaduto poco più di un anno fa a M13. "Non vi sono alternative: prima o poi, le regioni dovranno prepararsi al reinsediamento dei grandi predatori", conclude la nota dell'organizzazione.

SDA-ATS