Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 2.300 civili sono stati uccisi in Yemen negli ultimi sei mesi di conflitto (al 24 settembre): lo ha reso noto l'Onu a Ginevra.

Almeno 151 civili sono stati uccisi in due sole settimane dall'11 al 24 settembre, ha detto il portavoce dell'Alto commissariato Onu per i diritti umani, Rupert Colville.

Questo porta il numero totale di vittime civili nei sei mesi dal 26 marzo a 7.217, dei quali 2.355 morti e 4.862 feriti, ha aggiunto.

Le vittime civili - ha sottolineato - continuano ad essere registrate in seguito "ad attacchi aerei e bombardamenti indiscriminati in aree residenziali da parte di entrambe le parti in conflitto".

L'elevato numero di vittime civili causate da attacchi aerei è stato "chiaramente messo in evidenza" dalle notizie sul presunto raid aereo della coalizione che ha colpito ieri una festa di nozze a Wahijah e che avrebbe causato oltre 130 morti, ha sottolineato. "Il nostro staff in Yemen tenta di verificare le notizie, inclusi dettagli precisi sulle vittime. Se i numeri sono alti come suggerito, questo potrebbe essere l'incidente più letale dall'inizio del conflitto", ha concluso Colville.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS