Navigation

Yemen: generale ribelle chiede aiuto estero, paese a rischio

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 luglio 2011 - 21:53
(Keystone-ATS)

Aerei dell'aviazione yemenita hanno bombardato oggi alcune città del sud dello Yemen tenute dai combattenti di Al Qaida, mentre un generale passato con l'opposizione in un'intervista televisiva ha chiesto aiuto dall'estero per aiutare lo Yemen a superare la crisi, pena il rischio che il Paese profondi mettendo a repentaglio la sicurezza dell'intera regione.

Il generale Ali Mohsen, che a marzo ha voltato le spalle al presidente Abdullah Saleh, ha dichiarato alla Cnn che la crisi politica sta mettendo a rischio l'esistenza dello stato, fino a pochi mesi fa stretto alleato dell'occidente nella lotta al terrorismo, ma percorso da violente proteste politiche, da divisioni tribali, dall'insurrezione di Al Qaida nel sud, dei ribelli sciiti nel nord e con il presidente Saleh ancora vacante dopo essere stato gravemente ferito in un attacco al palazzo presidenziale.

"Abbiamo bisogno dell'intervento dei nostri amici e anche in fretta, perchè la propaganda potrebbe rivolgersi contro il Paese, potrebbe gettare il Paese in una grave conflitto e la sicurezza dell'intera regione potrebbe risentirne", ha detto il gen. Mohsen.

Anche la vicina Arabia saudita teme che Al Qaida possa approfittare del vuoto di potere nello yemen per rafforzarsi in tutta la penisola arabica

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?