Navigation

Yemen: polizia contro manifestanti, 20 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2011 - 09:27
(Keystone-ATS)

Venti persone sono rimaste uccise dopo che la polizia yemenita è intervenuta per disperdere un sit-in a Taez, a sud della capitale Sanaa.

Secondo il racconto di testimoni, le forze del presidente Ali Abdallah Saleh hanno attaccato nella notte con carri armati e blindati i manifestanti accampati in piazza della Libertà, hanno dato fuoco alle loro tende e poi hanno fatto evacuare il posto.

Testimoni aggiungono anche che i manifestanti che hanno tentato di scappare sono stati inseguiti nelle strade laterali e arrestati.

"È un massacro. I feriti sono stati trascinati di forza in strada per essere arrestati", ha raccontato all'agenzia France Presse un attivista.

Secondo l'agenzia ufficiale Saba, il presidente yemenita ha riunito nella notte i vertici militari a lui ancora fedeli invitandoli a "resistere e a rispondere con fermezza alle sfide poste da fuorilegge e corrotti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.