Navigation

Yemen: strage manifestanti; Comai, 72 morti e 400 feriti

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2011 - 13:36
(Keystone-ATS)

Sono 72 i morti della strage compiuta ieri dai cecchini appostati sui tetti contro i manifestanti dell'opposizione a Sanaa, capitale dello Yemen, e più di 400 i feriti. Lo afferma, all'agenzia di stampa italiana Ansa, il presidente della Comunità araba in Italia (Comai), Foad Aodi.

A Sanaa è "emergenza sanitaria", dichiara Aodi, che è anche presidente dell'Associazione medici stranieri in Italia (Amsi): "gli ospedali non bastano ad accogliere i feriti" che "sono stati portati anche nelle moschee" perché "non c'è più posto neppure nelle tende".

"I medici che sono in contatto con noi dallo Yemen ci stanno chiedendo aiuto", riferisce Aodi che chiede anche "un intervento della comunità internazionale" perché "non accada ciò che sta accadendo in Libia". In Yemen, conclude "c'è il rischio concreto di una guerra civile".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?