Navigation

Zelensky, sbloccata la questione del transito del gas russo

Stando al presidente ucraino Volodymyr Zelensky la questione del transito del gas russo verso l'Europa attraverso i metanodotti ucraini è stata "sbloccata" e adesso bisognerà discutere i dettagli. KEYSTONE/EPA SPUTNIK POOL/ALEXEI NIKOLSKY/SPUTNIK/KREMLIN POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2019 - 12:20
(Keystone-ATS)

La questione del transito del gas russo verso l'Europa attraverso i metanodotti ucraini è stata "sbloccata" e adesso bisognerà discutere i dettagli.

Lo ha detto nella notte il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dopo aver incontrato il suo omologo russo Vladimir Putin a Parigi.

L'attuale accordo tra Mosca e Kiev per il transito del gas russo dai metanodotti ucraini termina alla fine di quest'anno.

"Mi pare - ha detto Zelensky, citato dall'agenzia non governativa russa Interfax - che abbiamo sbloccato anche questa questione. Opzioni, formato, volume, prezzo e altri dettagli dell'accordo per il transito del gas saranno ora discussi a livello di consiglieri perché è molto importante per tutti, per l'Ucraina e per la sicurezza energetica dell'Europa".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.