Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una 71enne del canton Zugo è rimasta vittima della truffa del falso nipote, perdendo 40'000 franchi.

Stando a quanto riferisce oggi la polizia mercoledì scorso la donna è stata contattata per telefono da una persona che, facendosi passare per conoscente, le ha chiesto urgentemente del denaro per poter partecipare a un'asta immobiliare a Zurigo, in realtà inesistente.

La donna si è quindi recata nella sua banca per prelevare 40'000 franchi, soldi che ha poi consegnato secondo gli accordi presi a un "consulente" del suo presunto conoscente. Quando questi si è però di nuovo fatto sentire per telefono, chiedendo ulteriori 70'000 franchi, la vittima è diventata sospettosa e ha allarmato la polizia.

Il giorno seguente gli agenti hanno potuto arrestare un polacco 46enne che è risultato far parte di una rete internazionale di truffatori. La procura lo ha condannato con rito abbreviato a una pena di 120 aliquote giornaliere sospese con la condizionale e a una multa. L'uomo dovrà inoltre lasciare la Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS