Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La "piccola amnistia fiscale" del canton Zurigo si è rivelata un successo: nel corso dell'ultimo anno 1'400 evasori si sono autodenunciati, legalizzando un totale di 666 milioni di franchi. In seguito all'abolizione della tassazione forfettaria, si è invece assistito ad una piccola fuga di persone facoltose dal cantone.
Grazie all'amnistia il cantone ha incassato 60 milioni in recupero d'imposta, ha comunicato oggi la direzione delle finanze zurighesi. Nei tre quarti dei casi le autodenunce si riferivano a patrimoni non dichiarati come conti bancari, case all'estero, azioni o fondazioni. Gli evasori "pentiti" hanno dovuto pagare le tasse arretrate, ma non hanno ricevuto la multa solitamente prevista, pari al 20% del recupero d'imposta.
Sempre a Zurigo, in seguito all'abolizione della tassazione forfettaria prevista per i contribuenti stranieri più facoltosi, 92 delle 201 persone che usufruivano di questa possibilità hanno lasciato il cantone, ha annunciato la direzione delle finanze. Il 70% è rimasto in Svizzera e le conseguenze per le entrate fiscali cantonali non sono ancora chiare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS