Navigation

ZH: cyber criminali sottraggono mezzo milione, arrestati

Due criminali informatici attivi a Zurigo sono stati arrestati nei Paesi Bassi. KEYSTONE/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 agosto 2020 - 14:01
(Keystone-ATS)

Criminali informatici dall'autunno 2019 hanno agito su conti bancari nel canton Zurigo, arrivando a sottrarre in totale circa 500'000 franchi. Dopo approfondite ricerche due persone sono state arrestate nei Paesi Bassi.

Nei confronti dei due individui erano stati spiccati mandati di cattura internazionali, hanno comunicato oggi la polizia cantonale e il Ministero pubblico. Ora verranno iniziate le procedure per l'estradizione verso la Svizzera.

I criminali hanno utilizzato la tecnica conosciuta con il nome di Real-Time Phishing. Inviavano mail dall'aspetto plausibile con un link: al momento del click si arrivava su pagine fasulle, che ricreavano in tutto e per tutto il portale di diverse banche svizzere. In questo modo i truffatori ottenevano i codici d'accesso delle vittime e prelevavano denaro.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.