Navigation

ZH: genocidio armeno, procura indaga contro ministro turco Bagis

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2012 - 17:28
(Keystone-ATS)

La Procura zurighese ha aperto un'indagine preliminare per "discriminazione razziale" contro Egemen Bagis: il ministro turco per gli Affari Europei, giunto in Svizzera a fine gennaio per il Forum economico mondiale (WEF) di Davos, avrebbe negato il genocidio armeno del 1915 e violato quindi la norma antirazzismo del codice penale.

Le dichiarazioni contestate sarebbero state fatte lo scorso 28 gennaio a Zurigo dove Bagis ha partecipato a un concerto della cantante sua connazionale Sezen Aksu. Secondo il giornale turco in lingua inglese "Today's Zaman", a margine del concerto il ministro ha dichiarato: "Ci troviamo oggi in Svizzera e io dico che i fatti del 1915 non sono stati un genocidio. Lasciate che vengano e mi arrestino".

Diversi media turchi hanno riferito le dichiarazioni di Bagis. Queste non sono piaciute all'Associazione Svizzera-Armenia, che munite di ritagli di giornali si è rivolta alla Procura.

"Abbiamo avviato indagini di polizia", ha dichiarato oggi all'ats un rappresentante di quest'ultima, confermando una informazione della "NZZ am Sonntag". "Trattandosi di un reato perseguibile d'ufficio siamo costretti ad occuparci della faccenda", ha proseguito, aggiungendo di non poter precisare per il momento se sarà o no aperto un procedimento penale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?