Navigation

Zimbabwe: 55 elefanti morti di fame e sete

Elefanti morti di fame e di sete a causa della siccità KEYSTONE/EPA/DAI KUROKAWA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2019 - 19:29
(Keystone-ATS)

Sono morti di fame e di sete 55 elefanti nella più grande riserva dello Zimbabwe, il parco nazionale Hwange. Il bilancio è degli ultimi due mesi e arriva dall'emittente statale, Zimbabwe Broadcasting Corporation (ZBC).

La siccità causata dal cambiamento climatico ha portato alla carenza di cibo e acqua nell'area della riserva, ha affermato un funzionario della fauna selvatica.

Secondo quanto riferito ancora dall'emittente, alcune carcasse di elefante sono state trovate a una distanza di 50 metri da vasche d'acqua, suggerendo che i pachidermi avevano camminato per lunghe distanze morendo poco prima di raggiungerle.

Zimbabwe Broadcasting Corporation riporta anche la questione del divieto di commercio di avorio per il quale il paese africano, assieme ad altri dell'area, chiede una revoca in modo da avere fondi per assicurare fondi alla fauna selvatica e alle comunità che coesistono con essa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.