Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La performance è nettamente inferiore alle attese degli analisti.

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

L'assicuratore Zurich Insurance nel primo trimestre dell'anno ha fatto segnare una diminuzione dell'utile netto del 31% su base annua, a 607 milioni di dollari (611 milioni di franchi). I ricavi sono saliti marginalmente da 13,40 a 13,41 miliardi.

L'utile operativo, senza tenere conto della decisione di febbraio del governo britannico di abbassare il tasso di sconto utilizzato per il calcolo dei risarcimenti per lesioni personali e sinistri (tasso Ogden), è risultato in crescita del 14% a 1,22 miliardi di dollari. Considerando invece la modifica legislativa entrata in vigore il mese seguente, che richiede un aumento delle riserve, l'utile operativo (BOP) è diminuito del 13% a 928 milioni di dollari, si legge in una nota del gruppo diramata stamani. La correzione del tasso ha inciso negativamente per 289 milioni.

La performance è nettamente inferiore alle attese degli analisti. Stando alle stime raccolte dall'agenzia di stampa finanziaria Awp, l'utile netto avrebbe dovuto raggiungere 723 milioni di dollari e quello operativo 967 milioni.

Nell'importante settore dell'assicurazione danni e infortuni i premi lordi sono diminuiti del 2% a 8,92 miliardi di dollari, l'utile operativo è sceso del 24% a 420 milioni (+13% a 630 milioni senza l'effetto Ogden). Il combined ratio, ossia il rapporto tra i costi dei sinistri rispetto ai premi, è peggiorato al 100,7%. Senza l'effetto straordinario sarebbe invece migliorato dal 98,1 al 97,2%.

Nel settore vita i ricavi sono saliti da 3,61 a 3,81 miliardi di dollari, l'utile operativo è cresciuto del 22,8% a 312 milioni. Più modesta la progressione del segmento Farmers, che ha registrato un aumento delle vendite a 586 milioni (+8 milioni) e un utile BOP di 396 milioni (+6 milioni).

Commentando il primo trimestre, il direttore delle finanze di Zurich Insurance George Quinn, citato nella nota, ha rilevato il "buon inizio dell'esercizio 2017 con una forte attività in tutte le unità". I proventi da investimenti sono risultati migliori delle attese.

Il britannico ha anche sottolineato il proseguimento degli sforzi per comprimere i costi. Il gruppo resta fedele ai suoi obiettivi strategici comunicati in novembre, tra cui una riduzione degli oneri di 1,5 miliardi di dollari rispetto al 2015 entro il 2019. Finora sono stati tagliati 400 milioni, di cui 100 nel primo trimestre. I costi di ristrutturazione registrati nei primi tre mesi dell'anno sono stati pari a 91 milioni. Il gruppo aveva pronosticati 500 milioni all'anno per il 2017 e il 2018.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS