Navigation

Zurigo: conflitto d'interessi primario Ospedale universitario

L'entrata dell'Ospedale univesitario di Zurigo (foto d'archivio) KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2020 - 11:51
(Keystone-ATS)

Il direttore del reparto di cardiochirurgia dell'Ospedale universitario di Zurigo ha utilizzato protesi cardiache di aziende nelle quali ha interessi finanziari. Il nosocomio ha deciso di rafforzare i controlli, ma il primario può rimanere al suo posto.

La vicenda, rivelata nei mesi scorsi da un articolo pubblicato dalle testate di Tamedia, ha portato all'apertura di un'inchiesta ordinata dai responsabili dell'ospedale. La maggior parte dei rimproveri sono stati confermati. In particolare le informazioni su possibili conflitti di interessi sono state "gestite in modo insufficiente", scrive oggi in una nota l'Unispital.

L'inchiesta esterna è arrivata alla conclusione che il primario non ha garantito la necessaria trasparenza sulle protesi utilizzate, omettendo di informare gli stessi pazienti. Le irregolarità hanno riguardato in particolare le informazioni fornite ai pazienti, la documentazione sugli studi clinici e i rapporti con le autorità.

Non è tuttavia emerso alcun indizio che indichi che il direttore della clinica abbia agito in modo improprio o abbia anteposto i suoi interessi personali al benessere dei pazienti. In tutti i casi erano peraltro disponibili le autorizzazioni rilasciate dall'autorità di controllo Swissmedic.

Nella nota, l'ospedale universitario sottolinea inoltre che per alcuni pazienti l'utilizzo di impianti cardiovascolari di nuova concezione rappresenta un'ultima possibilità di cura nell'ambito del cosiddetto "uso compassionevole" dei nuovi strumenti a disposizione.

Sulla base dei risultati dell'inchiesta, la direzione dell'ospedale ha deciso che il direttore della clinica di cardiochirurgia rimarrà al suo posto. D'ora in poi tutte le cliniche sono tuttavia tenute a fornire su base trimestrale informazioni sui nuovi impianti utilizzati. Il nosocomio ha inoltre deciso di assumere uno specialista che veglierà su aspetti quali la trasparenza, la corretta documentazione e l'informazione completa ai pazienti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.