Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le FFS prendono misure dopo i disordini che ieri sera hanno accompagnato la manifestazione elettorale dell'UDC nell'atrio della stazione centrale di Zurigo. In futuro chi organizza eventi politici dovrà accollarsi i costi della sicurezza.

L'obbligo di coprire le spese per la sicurezza è già in vigore per gli eventi a carattere commerciale, ha detto oggi all'ats il portavoce delle FFS Christian Gising.

La manifestazione organizzata ieri alla stazione centrale per presentare i candidati dell'UDC zurighese alle federali di ottobre è stato il primo evento politico autorizzato dalle FFS. Le ferrovie hanno modificato il loro regolamento, autorizzando da quest'anno le manifestazioni politiche nelle stazioni, in seguito ad una sentenza del Tribunale federale, che nell'estate 2012 si era espresso in relazione all'affissione di manifesti della stessa UDC.

Cinque persone ancora in stato di fermo

Il comizio in stazione è stato disturbato ieri sera da militanti della sinistra antagonista che hanno fischiato i discorsi dei rappresentanti UDC e lanciato fumogeni. La polizia ha replicato con l'impiego di spray lacrimogeni e ha fermato cinque persone.

Tutte si trovano ancora in stato di fermo, ha detto oggi un portavoce dalla polizia cantonale. I fermati hanno fra i 20 e i 31 anni e sono tutti cittadini svizzeri domiciliati nel canton Zurigo. Ad eccezione di una persona, sono già tutti noti alle forze dell'ordine per fatti specifici, ha precisato il portavoce. Il Ministero pubblico ha aperto un'inchiesta .

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS