Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A dieci giorno dal "no" popolare per un nuovo stadio finanziato dalla città di Zurigo sul sito dell'Hardturm, il Grasshoppers Club (GC) vuole lanciare un progetto privato da realizzare entro il 2018. Sono già in corso trattative con possibili investitori.

"GC ha urgentemente bisogno di uno stadio studiato espressamente per il calcio", ha dichiarato ai microfoni della radio svizzero tedesca SRF il portavoce del club Adrian Fetscherin. L'idea è di realizzare una struttura che possa ospitare 20'000 spettatori, lo stesso numero del progetto bocciato alle urne.

Per garantire la redditività, GC pensa di completare lo stadio con un centro commerciale. Il club vorrebbe realizzarlo sul sito del vecchio Hardturm, raso al suolo già da diversi anni. Consapevoli del fatto che un primo progetto di stadio con un centro commerciale annesso non ha potuto essere realizzato a causa dell'opposizione dei vicini, i responsabili di GC pensano però anche a siti alternativi.

"Teniamo gli occhi aperti in tutto il cantone", ha affermato il portavoce. Il FC Zurigo - l'altra squadra zurighese di Super League - è ancora indeciso sul da farsi ma si è detto pronto a sedersi al tavolo per discutere di un progetto comune, ha aggiunto Fetscherin.

FC Zurigo e Grasshopper giocano da ormai cinque anni nel nuovo stadio del Letzigrund, di proprietà dalla Città. Il problema principiale è rappresentato dalla pista di atletica che impedisce al pubblico di essere vicino al campo da gioco.

Il nuovo Letzigrund è stato in effetti ideato per il meeting internazionale di atletica e per organizzare manifestazioni popolari e grandi concerti. È stato "adattato" al calcio - proprio a causa dei ritardi causati dai ricorsi contro il primo progetto per il nuovo Hardturm - per poter disputare a Zurigo le tre partite previste nell'ambito degli europei di calcio EURO 2008.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS