Navigation

Zurigo: l'edificio MFO di Oerlikon arrivato a destinazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2012 - 16:47
(Keystone-ATS)

Trasloco riuscito: l'edificio di 6200 tonnellate di peso che ospitava la direzione della "Maschinenfabrik Oerlikon" (MFO) ha raggiunto intatto il suo traguardo, dopo uno spostamento di 60 metri verso ovest, pochi minuti dopo le quattro del pomeriggio.

La più grande operazione di spostamento di un edificio mai realizzata in Europa è durata complessivamente 19 ore. L'immobile di tre piani, con una pianta che misura 80 metri per 12, è stato mosso da pompe idrauliche ad una velocità di circa 4 metri all'ora.

Il viaggio è stato oggi rallentato da un leggero spostamento laterale: gli addetti della ditta specializzata di Zugo che ha eseguito i lavori hanno dovuto sorvegliare e correggere il posizionamento dei rulli di acciaio sui quali è stata fatta scorrere la costruzione.

L'operazione, iniziata ieri mattina, è stata seguita da centinaia di persone ed è anche stata un evento mediatico: la tv svizzera di lingua tedesca SF ha organizzato collegamenti in diretta ad ogni ora.

La storica costruzione in mattoncini, nelle immediate vicinanze della stazione di Oerlikon, è considerata l'ultima testimonianza del periodo industriale, in un quartiere che negli ultimi 10 anni ha subito una profonda trasformazione. L'immobile fu costruito nel 1889 come sede amministrativa della MFO, la fabbrica di macchinari, armi e locomotive, poi passata alla "Oerlikon, Brown Bovery" e quindi alla ABB.

Lo stabile, che oggi ospita un ristorante, è stato spostato per far posto a due binari della nuova linea di transito delle FFS, con un nuovo tunnel fra la stazione centrale di Zurigo e quella di Oerlikon che entrerà in funzione nel 2015.

La soluzione per salvare l'edificio, che rischiava di essere raso al suolo, è stata raggiunta 10 mesi fa. L'immobile, che apparteneva ad ABB, è stato spostato su un terreno che appartiene alla Città di Zurigo e a Swiss Prime Site. La società immobiliare ha accettato di sobbarcarsi gli 11 milioni di franchi di spesa per il trasloco e diventerà la nuova proprietaria dello stabile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?