Navigation

Zurigo: procedimento penale contro sindaco Corine Mauch (PS)

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2010 - 18:01
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Un procedimento penale per coazione è stato aperto a Zurigo contro il sindaco Corine Mauch (PS). La procedura dovrà chiarire se la signora Mauch ha cercato di mettere a tacere i due proprietari di un bar che ha dovuto chiudere, ha indicato oggi all'ATS l'avvocato Bruno Steiner, legale dei gestori del bar.
La vertenza, piuttosto intricata, è legata alla chisura di un bar per omosessuali avvenuta alla fine del 2008, ossia prima dell'elezione di Corine Mauch alla carica di sindaco.
Benché il primo sindaco donna di Zurigo - nonché omosessuale dichiarata - non abbia avuto nulla a che fare con la decisione, i due gestori del bar avevano pubblicamente criticato e insultato la Mauch nel corso di una manifestazione elettorale tenuta all'inizio di quest'anno.
L'azione era appoggiata da Susi Gut, sfidante al posto di sindaco nelle elezioni cittadine del prossimo finesettimana sulla lista "Partito per Zurigo",una formazione minore formata da dissidenti dell'UDC.
Corine Mauch aveva querelato i due gestori del bar. Questi ultimi hanno risposto con una controdenuncia, nella quale sostengono che la Mauch avrebbe promesso loro di ritirare la querela se avessero ritrattato dichiarazioni fatte davanti alla stampa: da qui l'accusa di una possibile coazione.
I gestori del bar chiuso hanno intentato pure un'azione di responsabilità contro la città di Zurigo. Il municipio si dovrà esprimere sulla richiesta alla fine di marzo ed anche la commissione della gestione del parlamento cittadino dovrà esaminare il caso.
Il bar all'origine dell'intera vertenza fu obbligato a chiudere un mese dopo l'apertura, perché i due gestori non avevano ricevuto la licenza edilizia, che era in effetti stata rilasciata ma era andata persa all'interno dell'amministrazione. All'inizio del 2009 la città aveva riconosciuto che il tutto era dovuto ad un errore di comunicazione, ma il bar intanto era stato chiuso e ai due gestori non rimaneva che un mucchio di debiti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?