Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non aveva "nessuna intenzione anti-islamica" il 24enne che il 19 dicembre scorso ha esploso diversi colpi di pistola in un centro islamico di Zurigo, ferendo tre persone, e si è in seguito tolto la vita (foto d'archivio).

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Non aveva "nessuna intenzione anti-islamica" il 24enne che il 19 dicembre scorso ha esploso diversi colpi di pistola in un centro islamico di Zurigo, ferendo tre persone, e si è in seguito tolto la vita.

"Non è emerso nessun indizio che faccia pensare a possibili complici o committenti", scrive oggi in una nota il Ministero pubblico zurighese. Dall'inchiesta è peraltro emerso che lo sparatore aveva problemi psichici e si interessava di occultismo e di satanismo. Il procedimento penale nei suoi confronti è stato archiviato lo scorso 27 settembre, precisa il Ministero pubblico.

Il giorno prima della sparatoria, il 24enne - un cittadino svizzero originario del Ghana - aveva già ucciso a colpi di pugnale un conoscente suo coetaneo in un parco giochi di Zurigo-Schwamendingen. L'uomo aveva precedenti per reati minori e gli inquirenti erano riusciti a identificarlo sulla base delle tracce del Dna ritrovate nel parco, ma quel lunedì la polizia non era riuscita a rintracciarlo.

Nel tardo pomeriggio era poi arrivata la notizia della sparatoria nel centro islamico, situato nelle vicinanze della stazione di Zurigo e frequentato perlopiù da fedeli del Maghreb, della Somalia e dell'Eritrea. Poco più tardi, il corpo senza vita del 24enne è stato ritrovato in riva al fiume Sihl. Il giovane si è sparato con la stessa pistola con cui all'interno del luogo di culto ha ferito due cittadini somali di 30 e 35 anni e un 56enne svizzero. Due di loro avevano riportato lesioni gravi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS