Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'energia migliore, quella più utile alla crescita economica, sostenibile per l'ambiente e sicura? Si trova in Svizzera, che guida la classifica 'Energy Architecture Performance' stilata dal Forum economico mondiale (WEF).

A seguire ci sono Norvegia, Svezia e Danimarca, mentre l'Italia è 29esima, al fondo fra i Paesi europei ma comunque in fascia medio-alta fra i 127 Paesi analizzati.

Nella 'top ten' figura bene la Francia, quinta, a seguire l'Austria, la Spagna e la Colombia, il Paese non europeo che se la cava meglio: la Germania è al numero 19, gli Usa sono 52esimi, la Cina è al numero 95, il Giappone al 45esimo posto: "i maggiori consumatori mondiali di energia sono in difficoltà perché fanno i conti con le difficoltà intrinseche dei loro sistemi energetici di grande dimensione e complessità".

Non stupisce dunque che a fare meglio siano i Paesi piccoli e il Nord Europa, anche se altri Paesi riservano sorprese, come la Colombia (ottava), l'Uruguay (decimo), il Costa Rica (14esimo), la Nuova Zelanda (nona).

Lo studio è stato realizzato in collaborazione con Accenture Strategy, il cui amministratore delegato Muqsit Ashraf spiega: "la transizione del sistema energetico verso minori costi e maggiore sicurezza e sostenibilità ambientale dovrebbe vedere costantemente impegnato ogni Paese".

SDA-ATS