Circa duemila prigionieri di guerra saranno scambiati tra insorti yemeniti Huthi e loro rivali lealisti filo-sauditi, secondo quanto riferito oggi da fonti vicine ai colloqui in corso ad Amman, in Giordania.

Citate dai media panarabi, le fonti affermano che le trattative mediate dall'Onu nella capitale giordana hanno finora portato a un accordo per la liberazione di 1.200 prigionieri in mano agli Huthi, considerati vicini all'Iran, e 600 detenuti dai lealisti sostenuti dalla Coalizione a guida saudita.

Il primo round di trattative si era svolto ad Amman lo scorso 16 gennaio. Il secondo round di colloqui per lo scambio di prigionieri avviene alla presenza anche del Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr). Nei giorni scorsi, il Cicr aveva supervisionato lo scambio di un prigioniero saudita in cambio di sette prigionieri insorti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.